Soggiorno personalizzato
Blog detail
126

6 consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel

Personalizzare il soggiorno dei propri ospiti è un imperativo per qualunque hotel. Bisogna evitare esperienze di viaggio fotocopia, tutte uguali tra loro tra standard, servizi, comfort e accoglienza mediocri
 

1) Mail personalizzate - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_1 2) CRM - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_2 3) Dynamic Packaging - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_3 4) Instant messaging - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_4 5) Cortesia e assistenza in hotel - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_5 6) Formazione dello staff - consigli per personalizzare il soggiorno degli ospiti in hotel_6

Ecco alcuni spunti per fare in modo che il soggiorno dei propri ospiti sia qualcosa di speciale e memorabile:

1. Mail personalizzate

I contenuti della mail devono essere utili e piacevoli per stuzzicare la curiosità degli ospiti. Fondamentale inviare una mail di pre-stay con informazioni e consigli utili per conoscere il territorio, le previsioni meteo per il soggiorno, ma anche richiedendo preferenze e desideri (temperatura stanza, prodotti frigobar, tipo di cuscino, etc.). Inoltre, si può inviare una mail durante il soggiorno degli ospiti, basandosi sulle informazioni raccolte: per una giovane coppia, perché non indicare i migliori ristoranti romantici?

2. CRM

Il CRM (Customer Relationship Management), è uno strumento utilissimo per personalizzare il soggiorno dell’ospite, perché permette di archiviare qualsiasi informazione riguardante i clienti, per poi riutilizzarle per migliorare il servizio, stupire il cliente e fare azioni di direct marketing.

3. Dynamic packaging

È importante dare ai clienti la possibilità di personalizzare il soggiorno in modo autonomo fin dalla prenotazione sul sito. Il booking engine deve essere dotato di modulo per il dynamic packaging che consente di scegliere i vari servizi aggiuntivi che l’hotel offre oltre all’alloggio. Si tratta, tra l’altro, di raccolta di informazioni funzionali alla profilatura del cliente.

4. Instant messaging

Dinamismo e personalizzazione hanno nell’instant messaging un alleato ideale. Avere un canale aperto su Facebook, Messenger e WhatsApp è ormai imperativo. Per gestirlo ci vuole, però, una persona dello staff opportunamente formata per dare informazioni, rispondere a richieste, etc..

5. Cortesia e assistenza in hotel

Dal concierge al personal assistant: una persona che si muova per l’albergo e che sia a disposizione dei clienti per dare consigli e informazioni di qualsiasi genere. Che abbia capacità relazionali ed empatiche, che conosca il territorio così bene da poter anche accompagnare gli ospiti alla sua scoperta... sono le doti richieste al personal assistant.

6. Formazione dello staff

Nessuna tecnologia può battere la capacità dello staff di intuire, capire e riconoscere i bisogni del cliente. Pagare meglio le persone chiave che fanno parte dello staff e addestrare tutti con il loro supporto permette di “fare squadra”. Tuttavia, servono incentivi economici affinché sia efficace.

Cerca Articoli WEB